Solstizio d’estate

Solstizio d’estate è una passione: per la musica d’autore, per il teatro di parola, tradizionale e d’avanguardia, per tutte le espressioni artistiche che permettono di riflettere e ampliare gli orizzonti verso nuove forme di pensiero.

Era il 1990, quando lo spirito di Francesco Gerosa, sostenuto dall’allora assessore alla cultura di Mezzocorona Giuseppe Negri, coraggiosamente diede vita a questo Festival dove disparate forme d’arte, musica, teatro e danza, trovarono un palcoscenico nelle corti e attraverso gli scorci più suggestivi del paese.

Il progetto si è consolidato nel tempo grazie al contributo del Gruppo Arte Mezzocorona e del carisma di Guido Nicco, preziosa spinta alla crescita del Festival.
Successivamente con Alessia Gabrielli al timone Solstizio ha raggiunto la propria dimensione sovra comunale.

Gli anni tra il 2011 e il 2016 hanno visto Lorenzo Dalvit prendersi cura dell’organizzazione della manifestazione, coinvolgendo volontari e professionisti per far fronte alle crescenti necessità organizzative, divenute con il passare degli anni sempre più complesse. Giovanni Ghezzer, Gerardo Dallago e Alfio Chiettini hanno resistito come colonne portanti della manifestazione nel corso di tutta la sua genesi.

Nel 2017 il timone della presidenza è passato a Federico Dorigati, supportato da una squadra in parte rinnovata, e in parte composta da chi, come Giovanni Ghezzer, Gerardo Dallago e Alfio Chiettino, ha resisto come colonna portante della manifestazione nel corso di tutta la sua storia


Edizione 2017

Con un balzo, una capriola e un salto mortale Solstizio d’Estate torna a far germogliare il teatro nelle corti, a risvegliare la magia del circo nelle piazze, per raccontare ancora una volta un pezzo del nostro mondo, sempre più appeso a un filo.

Per affrontare questi tempi in bilico, Solstizio – con la sua ventisettesima edizione – ha deciso di rispondere al dubbio con la dolcezza, la bellezza e la leggerezza, senza allontanarsi dalla propria anima indagatrice e alla ricerca di nuove chiavi per raccontare e raccontarsi.

Sarà una stagione acrobatica, che volerà da uno spettacolo all’altro mutando forma e contenuti.
Dalla giornata spettacolare in piazza, con esperimenti circensi e bolle di sapone che porteranno in alto note e risate, come un equilibrista Solstizio passerà attraverso il teatro civile percorrendo il filo che lega i grandi temi del passato con quelli del nostro tempo.

I migranti-attori del Teatro dell’Orsa racconteranno il viaggio vissuto sulla loro pelle, portando sul palco le storie di chi con l’incertezza ha imparato a convivere, proprio come quei ragazzi che nel quattordici-diciotto cercarono di tenere le fila di una guerra che non hanno voluto o compreso, mentre erano intrappolati da tutt’altro filo, quello spinato delle trincee, che si snoda nello spettacolo di Mario Perrotta.

È un equilibrio difficile, quello fra la paura di cadere e la voglia di volare: tutti lo conoscono, ma qualcuno forse meglio degli altri. I folli, costantemente appesi ad un filo che segna il confine fra genio e pazzia, e gli acrobati, che del lanciarsi nel vuoto hanno fatto poesia, e saranno entrambi sul palco di Solstizio 2017. Don Chisciotte, il “folle” per eccellenza, raccontato e disegnato nella sua battaglia contro i mulini a vento da Gek Tessaro, lascerà il palco agli artisti circensi dei The Black Blues Brothers, XXX

Sarà un Solstizio appeso a un filo, alla ricerca del coraggio di lasciare la certezza per lanciarsi verso nuovi voli.


Solstizio d’Estate è un festival interamente diretto e organizzato da VOLONTARI: appassionati e professionisti del settore che si rendono disponibili per la buona riuscita della manifestazione.
A tutti loro va il nostro ringraziamento.

Direzione artistica:
Alessia Gabrielli
Tecnici:Illuminotecnica e direzione tecnica
Gerardo DallagoAudio e coordinamento tecnico
Federico DorigatiPalcoscenico e supervisione tecnica
Daniele BrentariAllestimenti e problem solving
Martino Clauser

Allestimenti e supporto morale
Alfio Chiettini

Supporto tecnico:
Mauro Fontana
Ezio Ollandi
Mattia “JJ” Dallago
Fabio Chilovi

Produzione e amministrazione:
Giovanni GhezzerUfficio stampa:
Liviana ConcinSegreteria:
Floriana CovaProgetto grafico:
Stefano SonnFotografia:
Lara SicherWeb master:
Alessia Zeni
Tiziano Rossi

Biglietteria:
Rosanna Pretto

Mascotte:
Le mitiche Gioia e Marta

Un ringraziamento speciale…
alle semplicemente “fantartiche” Holly, Marion e Monika, a Mirna Menestrina per la sua proverbiale ospitalità e intramontabile fascino, Massimo Weber e il gruppo del mitico MAB, a Lorenzo “(ex) President” Dalvit, e agli amici che ci aiutano sempre: Mirna, Walter, Paola, Francesca, Jasmine, …Direttivo dell’associazione G.A.M.:
Presidente
Federico DorigatiVice Presidente
Gerardo DallagoConsiglieri
Alessia Gabrielli
Alfio Chiettini
Floriana Cova
Giovanni Ghezzer
Holland Friel (FantArte)
Liviana Concin
Martino Clauser

Vedi gli eventi in programma


 

Iscriviti alla nostra newsletter!


RINGRAZIAMENTI

Pro Loco e Associazioni Comunali | Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina | Maffei Service
Elettrozeta | Akei web & visual communication